Nuova Bellinzona, assunzioni all’ultimo minuto: perché?


La Nuova Città di Bellinzona sta nascendo e, come promesso da Mario Branda lunedì in Consiglio Comunale, accoglierà tutti i 1'200 dipendenti dei 13 Quartieri per una massa salariale totale di 70 milioni di franchi. Questa decisione è stata condivisa con gli altri comuni nell’ambito del processo aggregativo. 

Ma ciò non sembra bastare a Bellinzona. Ancor prima di avere il nuovo esecutivo legittimato ad operare – questione di settimane e non di anni – in Città si sta procedendo in tutta fretta ad una serie di bandi di concorso per assumere nuovi funzionari (vedi la pubblicazione di diversi concorsi). Il motivo? Dopo attenta analisi da parte di una specialista esterna si è giunti alla conclusione che fra i 1'200 funzionari mancano dei profili, così ha spiegato il Sindaco in risposta ad una interpellanza.

Sarà mai possibile? Da dove nasce tutta questa fretta Signor Sindaco? Non sarebbe stato meglio attendere l’entrata in carica del nuovo Municipio? Il PPD lunedì ha dato un segnale chiaro in Consiglio comunale sostenendo la proposta di aprire una discussione libera e democratica sul tema.

Una proposta, questa, chiaramente e “comprensibilmente” bocciata a larga maggioranza anche da coloro che avevano osato inoltrare un’interpellanza sul tema. A qualcuno probabilmente questa mancanza di trasparenza e di coinvolgimento politico fa comodo. Il PPD vuole e chiede che la Nuova Città nasca su basi solide e quindi con un organigramma ragionevole, equilibrato, senza manie di grandezze, rispettoso delle capacità finanziarie e in grado di valorizzare le numerose competenze di tutti i funzionari dei 13 comuni.


“Finalmente grandi” sì, mastodontici no!


PPD

PPD Ticino, 5 Viale Portone, Bellinzona, TI, 6500, Switzerland