ClaudioCattori.png

CLAUDIO
CATTORI

Consigliere comunale

Introduzione: 

Sono nato nel 1961 a Bellinzona. Ho frequentato le scuole obbligatorie e la scuola Cantonale di agricoltura di Mezzana.  Sono stato domiciliato con la mia famiglia per 46 anni a Camorino e da 10 risiedo a Giubiasco. Sono sposato dal 1985 con Emma e siamo genitori di due figli: 
 

  • Davide che lavora nell’azienda ed è anche insegnate di orticoltura alla Scuola agricola di Mezzana;

  •  Mattia pure impegnato nell’azienda con mansioni operative generali e con la formazione agro meccanico.

Sono discendente di una famiglia - nota al Partito popolare democratico (Giuseppe Cattori) - che ha sempre dedicato le proprie energie, con passione,  alla terra.  Sentimenti e sensibilità che ho ereditato dalle generazioni che mi hanno preceduto e, io direttamente da mio padre e dalla mia mamma con i quali ho lavorato, da sempre, nella nostra grande azienda di Camorino.

Fra gli anni 60 e 90 siamo stati confrontati con espropri, prima delle strade nazionali e poi  di Alp transit, che hanno cancellato anche la nostra azienda agricola, una fra le più grandi del Cantone. Non ci siamo persi d’animo e siamo riusciti, con la famiglia unita e determinata, a ricostituire un’azienda agricola tecnologicamente all’avanguardia e che offre lavoro a una trentina di persone. L’azienda è strutturata con oltre 50’000 mq di serre in vetro per la coltivazione dei pomodori addizionata ad altri grandi appezzamenti di terreno dove coltiviamo ortaggi e cereali.

Non siamo persone che non si lasciano attrarre dai facili e malsani guadagni; voglio dire che non siamo mai stati attratti da coltivazioni di allucinogeni e non lo saremo mai, nemmeno in futuro.  Per me e la mia famiglia è una questione morale che si traduce in senso di responsabilità sociale. Sono un imprenditore agricolo, con una sensibilità verso l’ambiente e la natura, consapevole dell’importanza dell’agricoltura nel contesto economico generale.  In questo senso, con altre aziende, stiamo proponendo iniziative, in parte già con successo, che consentono alla nostra gente l’approvvigionamento di prodotti di buona qualità e a kilometro 0.  

Arrivato all’età in cui si assegna il merito – non conquistato - della maturità ho deciso di mettermi a disposizione del nostro Partito per offrire la mia esperienza di vita anche livello Istituzionale.

Ho sempre guardato con interesse ai principi che reggono l’ideologia del Partito popolare democratico quali, la giustizia, la sensibilità sociale, la solidarietà e la sussidiarietà. Principi che rafforzano la dignità della persona perché richiamano la responsabilità che ogni persona deve sentire verso la società in cui vive e di riflesso verso lo Stato. 

In questo senso cito John Kennedy: “non chiederti cosa il tuo Paese può fere per te, chiediti cosa puoi fare tu per il tuo Paese”.  Di questa esortazione ne ho fatto tesoro! Da un anno sono Consigliere comunale a Giubiasco e membro della Commissione della Gestione.  Una bella esperienza e sono entusiasta di questa esperienza. Ora ho accettato di candidarmi al Municipio e al Consiglio comunale della nuova Bellinzona. Sono qui, davanti a voi, per presentarmi con il desiderio di voler servire, con umiltà ma con passione, il nostro Partito e, con esso, la nuova Città. Sono cosciente della sfida che stiamo affrontando e penso che, se tutti insieme vogliamo contribuire a far nascere una nuova Città, lo dobbiamo fare con un’attitudine al servizio e saper ascoltare la gente con lo spirito aperto al dialogo, ma rigorosamente fermi sui principi che ho evocato prima.
 
Care Amiche e cari Amici, mi sono candidato con l’orgoglio di rappresentare il nostro Partito all’interno del quale militano persone che stimo e ammiro. Mi metto a disposizione assicurandovi d’essere un uomo capace di ascoltare, leale, semplice, determinato. Ho solo una pretesa; che crediate a ciò che vi ho detto affinché possiate giudicarmi per quello che sono.

Grazie e rimbocchiamoci le maniche.